Sant' Onofrio

II convento dell'eremita S. Onofrio dei frati minori osservanti riformati ha origini antichissime. Risale al lontano 1406, quando i frati abitavano in capanne fatte di rami l'albero e si adoperarono per far sorgere una cappella intitolata all'eremita, sul colle, a occidente di Vasto, cinto di boschi.

Il Convento di Sant'Onofrio è certamente uno degli angoli più ricchi di storico pathos di tutta la campagna vastese.
Questo Convento venne fondato nel 1422 da Nicolò da Osimo, col titolo di Sant'Onofrio.
Poichè questi uomini penitenti piacevano al popolo, gli amministratori pubblici sostennero la costruzione del convento che nel 1440 era già terminato..

La chiesa, di stile barocco, si conserva finora nella sua purezza originaria. In particolare, la chiesa divisa in due navate coperte a volta, situata sul lato meridionale dell'edificio, sia pure di ridotte dimensioni, ha uno straordinario valore artistico, in gran parte frutto del fervore innovativo dei nuovi gusti di età barocca. A quest'epoca si riferisce infatti la ricca ornamentazione realizzata nel vano del Coro e nella Sagrestia con pezzi lignei dell'artigianato locale.